Demolition party per sfogare i nervi

demolition party

Nervosette? Ci sentiamo chiedere quando la nostra furia raggiunge livelli di guardia anche se tentiamo ancora di tenerla a bada per evitare di esagerare e poi pentirsi. Eppure quella semplice domanda non fa che fomentare le nostre ire anziché apparire come un’innocente richiesta che precede la fuga del povero malcapitato sotto le nostre grinfie. Probabilmente chiede solo per sapere se gli conviene scappare a gambe levate. Noi invece non aspettiamo altro per scatenarci. Per farlo oggi c’è un modo diverso che inveire contro chi ci capita a tiro, spesso innocente vittima sacrificale prescelta sul momento.

Basta andare ad una festa. Si chiama Demolition party ed è quel che sembra: un evento organizzato per permettere a chi partecipa di sfogare per bene i propri nervi. Una volta s’andava in palestra per sfogarsi? Oggi ci si mette in ghingheri e si va in società. Tra simili, però.

Non scorre sangue, nessuno si fa male, tranne qualche oggetto destinato ad andare in frantumi per appagare la nostra voglia di buttare tutto all’aria. Cosa si fa? Ci si munisce di piatti, bicchieri, mazze, maschera protettiva e guanti. E si spacca tutto. L’organizza Madcityzen a Parigi. Non so che pensare. Siamo davvero così aggressivi e incapaci di canalizzare altrimenti la nostra rabbia da aver bisogno di distruggere qualcosa?

Via | TheTrendyGirl

  • shares
  • Mail