Le donne si sentono vecchie già a 29 anni; gli uomini a 58

Questa volta lo studio in questione non è frutto di una ricerca universitaria o della commissione di qualche azienda di prodotti di bellezza, bensì si tratta di un sondaggio voluto dalla Avalon Funeral Plans, un'agenzia funebre inglese piuttosto particolare.

Lo studio mirava a capire a quale età uomini e donne si sentono già vecchi, e il risultato più eclatante evidenzia un "nuovo" dato, che può essere annoverato tra le fantomatiche differenze fra pianeta venusiano e pianeta marziano: le donne si sentono decrepite molto presto, già a 29 anni, mentre gli uomini tendono a sentirsi verso la terza età intorno ai 58 anni. Una differenza abissale.

29 anni: effettivamente non posso dire di potermene tirare fuori. Per certe cose mi sento di fatto già vecchia, ma non per questioni estetiche. Lo psicologo Cary Cooper della Lancaster University sostiene invece che la spiegazione di questo divario stia nel fatto che, a causa dei bombardamenti mediatici circa la bellezza e la giovinezza femminile a oltranza e a tutti i costi, le donne comincino a sentirsi vecchie nel momento in cui non percepiscono più se stesse come piacenti e attraenti.

Io penso invece che siano diversi e contrastanti anche fra loro i fattori che potenzialmente fanno sentire noi donne vecchie già a 29 anni: il lavoro che tarda ad arrivare, le conseguenti gratificazioni professionali inesistenti, la sensazione di aver passato troppo tempo sui libri; e questo riguarda un aspetto relativamente moderno per la donna, la carriera; dall'altra invece, un aspetto istintuale e uno tradizionale ci fanno sentire vecchie se non abbiamo ancora pensato almeno al matrimonio, figuriamoci a un figlio. Biologicamente a 29 anni si comincia già a rincorrere un controverso senso di maternità, ma spesso le condizioni di cui sopra non permettono di discuterne seriamente...

Gli uomini invece tendono a sentirsi più vecchi verso la fine della loro carriera, almeno stando a quel che spiegano i risultati della ricerca. Altri elementi, soprattutto di natura estetica, nell'orologio biologico maschile non concorrono a rendere gli uomini "anziani" prima del tempo, perchè loro quando invecchiano "diventano affascinanti"....

Al di là dei risultati di questa strana ricerca tuttavia, mi chiedo quale sia il vero obiettivo della Avalon Funeral Plans (che sul suo sito mostra improbabili immagini di signori allegri e sorridenti che pianificano con entusiasmo i dettagli del loro funerale): sperare in dipartite premature oppure trovare un target sempre più giovane a cui rivolgersi, per convincerlo a preparare per tempo un degno funerale, sia economicamente che logisticamente?? In fondo l'allestimento è importante in tutte le occasioni che contano...Ed essere previdenti è sempre un'ottima cosa...La morte non bussa mai prima di entrare...E quindi, evviva l'ottimismo della vita!!

Via | Newser

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail