Donne alte, ecco il sito per voi (ma ne avevamo bisogno?)

un sito per donne alte

Ad essere la più alta fra amici e amiche durante quel delicato e terribile momento conosciuto col nome di adolescenza, si soffre, c'è poco da fare. Ci si sente troppo in vista, goffa, sproporzionata. E poi tutti quegli stupidi limiti: non puoi fare la ballerina, datti al basket. Ma io odio la pallacanestro e amo danzare! Poi come per magia l'armonia si impossessa di noi, guardiamo i ragazzi negli occhi, possiamo mettere le gonne lunghe fino ai piedi e arrivare ai ripiani più alti nelle librerie. Sembrano cavolate, ma a vederle sotto un'ottica più positiva sono piccole gioie. Io sono alta 1, 78 m. Per cui so di cosa parlo.

E forse proprio per questo mi ha incuriosito questo sito, Tallwomen.org, un portale dedicato alle donne alte. All'inizio ho storto un po' il naso: nel mondo si tende davvero troppo a differenziare più che unificare, a creare categorie invece di comunità eterogene. Però l'operazione è signolare: il buffo è che a crearlo è stato un uomo basso, tale Joerg, innamorato delle donne più alte di lui. E sensibile ai loro problemi più comuni a quanto pare: il sito linka i negozi di vestiti e scarpe specializzati per donne che, femore volens, non sempre rientrano nelle misure standard in commercio. Ammetto che trovare scarpe belle taglia 41 fino a poco tempo fa non era facilissimo. E il ritorno dell'extra-long mi ha salvato in materia di pantaloni...

Comunque, il sito, oltre ai suddetti indirizzi per lo shopping, dedica pagine alle donne famose più alte, al "problema" affrontato appunto dalle teenagers, e persino agli incontri specifici fra moderni Watussi... Su quest'ultima cosa avrei molto da ridire: perchè appiattirsi fra "simili"? Il mondo è bello proprio perchè ha il profilo frastagliato di una catena montuosa e il zig-zag ricorda il tracciato di un cuore sano in un elettrocardiogramma. Tracciato tutto uguale: no buono.

foto| Flickr

  • shares
  • Mail