Tecniche di seduzione parte seconda

Seguendo il filo del discorso dipanato qualche giorno fa a proposito delle tecniche di seduzione maschile, mi ha particolarmente colpito il commento di un lettore che invocava aiuto, ironicamente o forse no.
Pink risponde all’appello, perché chi meglio di una donna sa quale sia l’approccio migliore per evitarvi figuracce e perentori due di picche in pubblico? E chiede l’aiuto delle lettrici: cosa vi dà fastidio nell’approccio di una ragazzo? E cosa invece ritenete assolutamente irresistibile? Facciamo loro un favore. E anche a noi stesse.

La prima cosa da fare, è aggiornarsi sulle novità. Perché le tecniche desuete possono sembrare affascinanti ad alcune, ma nella maggior parte dei casi espongono al ridicolo. Presentarsi col baciamano può strappare un sorriso oppure una smorfia di commiserazione e purtroppo la reazione non è prevedibile in anticipo. Nel dubbio, si eviti.

Nel caso specifico è la rete che ci viene incontro, ancora una volta, con proposte a volte al limite del grottesco, altre volte lodevoli seppure miseramente inconcludenti. Chi di voi si fiderebbe di un corso di seduzione online? Sarà divertente da leggere, ma all’atto pratico è in grado di portare risultati all’impavido corteggiatore?
L’esperienza dice inequivocabilmente: no. Sperare di acquistare charme e savoir faire da una serie di lezioncine online denota sconfinato ottimismo. E fiducia in molti luoghi comuni superati o mai verificati. I conti bisogna farli con la realtà.

Addirittura c’è qualcuno che si pregia di fornire infallibili trucchetti per conquistare la fidanzata di un altro. Un consiglio: lasciate perdere, se non ci tenete ad avere un occhio nero. Piuttosto, seguite i consigli delle Pink.
Evitate profumi troppo forti, sono molesti. Non vi impiastricciate i capelli di gel e sostanze non meglio identificate. Il nervosismo va bene, è fisiologico, ma non fatevi scorgere mentre la fissate con fare da pointer e sperate che sia lei ad accorgersi della vostra augusta presenza. La prima mossa ci piace lasciarla ancora a voi. Chi vuole continuare?

  • shares
  • Mail