Se alla commessa sta meglio di noi il vestito non lo compriamo

shopping cartScena: siete in un negozio, vi siete appena innamorate di un vestito che volete a tutti i costi fare vostro e mentre vi dirigete verso il camerino per provarlo vi imbattete nella commessa dal corpo da dea che indossa lo stesso vestito o in un’altra cliente che lo sta provando nel camerino accanto specchiandosi proprio davanti a voi. Come andrà a finire? Provate lo stesso il vestito, prendendolo se trovate vi stia bene, oppure lo riponete, affrante e convinte che non vi starà mai, mai bene come a loro?

D’istinto verrebbe da rispondere che no, non lo riponiamo affatto se ci piace come ci sta, non importa se la commessa o la vicina di camerino lo portano meglio per manifesta prestanza fisica superiore alla nostra. Eppure una studio pubblicato sul Journal of Consumer Research sostiene che quando si verifica la situazione appena descritta ci passa la voglia di acquistare quel capo e in molti casi lo rimettiamo a posto, uscendo a mano vuote.

Alla faccia dell’autostima. Chi di voi s’è mai sentita intimidita dalla modella statuaria che indossa i capi della collezione? Sarà bene avvisare i negozianti spiegando loro di evitare con cura di far portare alle proprie commesse i capi che si trovano anche in vendita, se l’effetto può essere quello di dissuadere dall’acquisto, no?

Via | BellaSugar

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail