Le cattive abitudini che rendono deboli le nostre unghie

Le unghie da sempre sono uno degli "accessori" più glam di una donna: si possono personalizzare, lucidare, accorciare o allungare, lasciare libere da smalto o al contrario renderle spettacolari con la nail art. Eppure come per i capelli, anche per loro vale il fattore stress dei trattamenti a cui le sottoponiamo, oltre che le cattive abitudini a cui le mani sono soggette e che rendono deboli le nostre unghie. Vediamo insieme quali sono le situazioni più a rischio.

  • I tic nervosi - E precisamente quelli che ci portano più o meno inconsapevolmente a mordicchiarci istintivamente le unghie. Questo modo di fare che per molte è uno scarica-ansia senza eguali, in verità è un'arma a doppio taglio. Non solo, infatti, rovina l'estetica delle nostre dita, ma può portare ad infezioni sia a livello di mani sia a livello di bocca (nel letto ungueale risiedono batteri pronti a farsi strada nelle piaghe della pelle). Le nonne suggerivano di strofinare sulla punta del peperoncino fresco, in modo da perdere la cattiva abitudine a mettere le dita in bocca. E noi aggiungiamo di affrontare le situazioni ansiogene trovando metodi più salutari per far calare lo stress, come una sana sessione di attività fisica out door o come lo yoga.


  • Le manicure (o pedicure) troppo profonde - La "manutenzione" delle unghie è una pratica che possiamo tranquillamente operare noi in casa, accorciandone la lunghezza con forbicine e limetta. Per quanto riguarda le operazioni più profonde, quali ad esempio la rimozione delle cuticole (o anche delle pellicine), sarebbe meglio affidarsi alle mani esperte dell'estetista. Perché? Perché le cuticole, in particolare quelle poste ai lati del letto ungueale, hanno la funzione di prevenire le infezioni fungine e batteriche. Tagliarle in modo sbagliato equivale a rischiare infiammazioni. E se il danno è fatto, l'unica soluzione è mantenere la parte lesa ben disinfettata con unguenti antisettici.

  • La scelta sbagliata degli strumenti - E parliamo delle già citate forbicine e limette che, vi assicuriamo, non sono tutte uguali! Le prime devono essere rigorosamente con la punta arrotondata, in modo da seguire in modo naturale l'onda dell'unghia e le seconde devono essere in cartone (quelle metalliche sono assolutamente deleterie) e avere una grana finissima. In caso contrario rischiamo di trovarci con le punte rovinate o magari anche rotte, cosa che mal si concilia con la nostra idea di bellezza, ma anche di praticità (avere le unghie sfaldate e brutto e scomodissimo quando si deve lavorare).

  • La scelta di smalti aggressivi - La consistenza dura delle nostre unghie ci fa spesso pensare di avere una superficie che non può essere trapassata da nulla. Invece non è proprio così, perché anche le unghie sono in grado di assorbire le sostanze che mettiamo sopra. La prova l'abbiamo quando indossiamo smalti con sostanze chimiche aggressive per almeno due settimane consecutive. L'effetto immediato, appena levato via lo strato di colore, sarà vedere le unghie opacizzate, private della loro naturale bellezza e luminosità. Se nella lista INCI dello smaltino troviamo Formaldeide, Toluene, Canfora e Dibutil Ftatalato, buttiamolo via. E comunque cerchiamo ogni tanto di lasciare le dita libere da qualunque sostanza per qualche giorno fra una passata di smalto e un'altra. Anche le unghie hanno bisogno di respirare!

  • L'uso continuo dell'acetone - I solventi leva smalto sono fra i prodotti più aggressivi che si possano avere, in quanto necessitano del giusto potere corrosivo per poter eliminare lo strato di lacca superficiale. Ragion per cui sarebbe bene non utilizzare tali prodotti troppo spesso perché possono rovinare irrimediabilmente le unghie. In commercio poi esistono solventi bio e molto delicati che eliminano lo smalto senza fare troppi danni. Preferiamoli all'acetone quando possibile, in modo da preservare la salute e la bellezza delle nostre unghie.

Per le stesse ragioni di delicatezza poi, cerchiamo di non perdere mai l'abitudine a indossare guanti in lattice quando facciamo le pulizie domestiche. La mani si screpolano immediatamente quando vengono a contatto con saponi o detergenti troppo forti, ma anche le unghie ne risentono, perdendo forza e lucentezza. Casalinghe si, disperate e sciatte mai! Quindi, mai smettere di tutelare bellezza e salute, anche idratando mani e unghie con creme specifiche.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail