La settimana nazionale dei single in America

single partyDa single spesso piangiamo lacrime amare, altre volte ci godiamo semplicemente la situazione ma quasi sempre con la consapevolezza o almeno la speranza che si tratti di una condizione passeggera, destinata a concludersi con l’incontro dell’agognata anima gemella. Per festeggiare tutti i single e la felice condizione di vita che possono permettersi in America c’è la settimana dedicata a loro, un enorme successo diffuso dall’Ohio, dov’è nata negli anni Ottanta, a tutta la nazione.

È iniziata domenica e si concluderà sabato. Probabilmente non passerà troppo tempo perché sparga la propria influenza anche da noi. Intanto che aspettiamo di vedere come si svilupperà la cosa scopriamo quali sono i motivi per cui i single possono rallegrarsi della loro condizione. Sarà la storia della volpe e dell’uva, per qualcuno, che ci vede anche qualche tratto patetico, un po’ come per la festa di San Faustino subito dopo quella di San Valentino. O sarà motivo di invidia per chi si arrabatta tra i pannolini rimpiangendo un po’ certe libertà?

I single, almeno in linea teorica, possono viaggiare senza vincoli, possono organizzare il proprio tempo senza impegni con alcuno né qualcuno che dipenda da loro. Possono permettersi un hobby costoso senza che il coniuge tenga il muso lungo perché sperperate mezzo stipendio e non si è mai in casa la Domenica. Se ne vanno in palestra a tutte le ore perché non c’è la cena da preparare per chi arriva a sera. Possono andare a ballare e tirar tardi, tornare ubriachi e non giustificarsi con nessuno. Possono essere ragazzacci quanto e come vogliono. Dicono. Ma è vero?

Via | YourTango

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail