Amore, ti leggo nel pensiero ma vorrei essere analfabeta

Credo che sia desiderio comune a molte – e mi aggiungo al molte - arrivare a “sintonizzarsi” sulla stessa lunghezza d’onda del partner. Capire quello che pensa l’altro, prima che ce lo dica e viceversa.

Sogniamo che non ci siano più incomprensioni tra marziani e venusiane, mai più segreti, cose non dette e per questo non capite, solo la piena empatia verso l’altro. Capirsi senza bisogno di parlarsi: guardarsi e intuirsi, leggersi nel pensiero.

Ma alla fine, siamo sicure che sarebbe davvero meglio così? E se da sogno diventasse incubo? Questo simpatico spot dell'agenzia pubblicitaria Lowe inscena la tanto agognata lettura del pensiero all’interno di una coppia.

Il pretesto per la discussione è ironico e divertente, ma mi chiedo, che sia meglio restare analfabeti nell'amore e non saper "leggere"?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail