Prevenire i capillari fragili con l'alimentazione sana

La fragilità capillare è il segno evidente che nel nostro corpo è in corso un problema circolatorio, spesso dovuto a un’alimentazione scorretta e a uno stile di vita poco equilibrato.


I capelli fragili possono dipendere da moltissimi fattori. Per alcune signore sono un disturbo di carattere ormonale, magari semplicemente ereditario, o un piccolo regalino della menopausa. In linea di massima, spesso dipendono da uno stile di vita poco equilibrato, caratterizzato dal vizio del fumo e da una sedentarietà prolungata. Inoltre, possono indicare anche che la dieta non è delle migliori.

Mangiate molti cibi raffinati? Fate il pieno di zuccheri semplici? Non consumate prodotti ricchi di vitamine e sali minerali? Questi sono tutti errori che si pagano a volte proprio con delle piccole e scure ragnatele sulle gambe. Come si possono prevenire?

La risposta è semplice: correggendo gli errori appena elencati. Certo, se c’è una certa familiarità purtroppo potete farci ben poco, ma potreste lavorare per rallentarne la diffusione. Sono tanti i cibi, tra l’altro molto buoni, che devono trionfare sulle nostre diete. Considerate che un’alimentazione equilibrata tiene lontana anche la cellulite.

Frutta e verdura sono quindi essenziali, perché ricchi di antiossidanti che danno elasticità ai capelli. Inoltre, è un modo per fare il pieno di vitamina C che rende più forti le parete dei vasi sanguigni. Quindi consumate in quantità broccoli, cavoli, ma anche agrumi, kiwi, verdura a foglia verde e verdure rosse, come i pomodori, la zucca e il melone. Importantissimo è il mirtillo.

Promosso anche il pesce, fonte di omega 3. Dovete bere molto, tanta acqua ma anche tisane, per migliorare la diuresi e favorire il drenaggio dei liquidi in eccesso. Vanno invece evitati i cibi grassi, i prodotti confezionati e salati.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail