Geppi Cucciari condurrà il concerto del 1 Maggio da piazza San Giovanni

Geppi Cucciari farà gli onori di casa in piazza San Giovanni a Roma come conduttrice del "Concertone" del 1 Maggio. Come di consueto, l'evento organizzato da Cgil, Cisl e Uil ha un tema conduttore: quello del 2013 è "musica per il nuovo mondo"

Manca meno di un mese all'oramai tradizionale Concertone del 1 Maggio che, come ogni anno, si terrà in piazza San Giovanni a Roma. In attesa di sapere quali saranno i cantanti e i gruppi musicali pronti a calcare il sempre più imponente palco montato in una delle più significative piazza della Capitale, giunge notizia su chi è stato scelto per presentarli.

Anche quest'anno, così come nelle ultime edizioni, toccherà fare da padrona di casa ad un personaggio che ha fatto dell'ironia il suo punto forte, Geppi Cucciari. Comica, scrittrice, conduttrice televisiva e attrice italiana, la pungente Maria Giuseppina continua la tradizione che ha visto in questi ultimi anni succedersi alla conduzione brillanti umoristi.

Dopo le edizioni presentate, tra gli altri, da Claudio Bisio, Paolo Rossi, Sabrina Impacciatore, Paola Cortellesi e Neri Marcorè, adesso è il turno della Cucciari che, sempre più in auge negli studi televisivi, passerà sul palco musicale più ambito e impegnativo delle manifestazioni musicali di piazza. Come di consueto, l'evento organizzato da Cgil, Cisl e Uil ha un tema conduttore: quello del 2013 è "musica per il nuovo mondo".

La conduzione di Geppi ci fa felici perché la volevamo da un po' e perché ha in mente una conduzione molto virata al sociale, con ospiti che aiuteranno a parlare di vari temi caldi, a partire dal lavoro.

Questa la dichiarazione in conferenza stampa dall'organizzatore del concerto, Marco Godano. Al momento, come dicevamo, il cast non è ancora al completo ma tra quello che è dato per certo, vedremo la presenza di Nicola Piovani come ospite d'onore, di un'orchestra rock per un omaggio ai "padri" della musica italiana, 100 violoncellisti per l'Inno di Mameli, un "social movie" del "Concertone" con il contributo video del pubblico.

Anche quest'anno, inoltre, un contest aprirà un varco verso il palco del Primo Maggio ai talenti emergenti della musica italiana. Si tratta del 1'M Festival, erede della storica rassegna Primo Maggio Tutto L'Anno. Il contest nella prima fase, appena conclusa, ha sfruttato soprattutto la rete: con 495.916 visite, 238.728 utenti, oltre 4.000.000 di visualizzazioni, 795 video pubblicati, 696 artisti iscritti al concorso e 40.000 visite giornaliere sul sito www.1mfestival.com.

La seconda fase, che vede i 48 artisti selezionati sfidarsi dal vivo, è in corso fino a domani sul palco delle Officine Creative Ansaldo di Milano, con il sostegno del Comune di Milano, e dall'8 al 13 aprile su quello delle Officine Cantelmo di Lecce, con il sostegno di Puglia Sounds, in diretta streaming sul sito www.1mfestival. com. I migliori sei si esibiranno al Concerto del Primo Maggio, in diretta televisiva su RaiTre, e parteciperanno alla votazione finale che proclamerà il vincitore di questa prima edizione dell'1'M Festival.

La crisi, come pensare di farne a meno anche in questo caso?, toccherà anche questo evento nato nel 1990 e organizzato annualmente il giorno della Festa dei lavoratori in piazza di Porta San Giovanni a Roma dai tre principali sindacati italiani: CGIL, CISL e UIL. A causa di problemi di budget, infatti, gli organizzatori non sanno quantificare con certezza su quali e quante risorse potranno contare per l'organizzazione 2013:

Ad oggi non sappiamo su quale budget possiamo contare perché qualcuno vuole sfilarsi e qualcun altro vuole spendere meno. Ma io mi incazzo quando vedo che l'Enel, lo stesso sponsor che a noi non vuole dare una lira, ha dato 3,5 milioni ad X Factor. Che è esattamente ciò che distrugge la musica in Italia. E' una grande trasmissione televisiva ma nessuno ci venga a dire che serve a far crescere il panorama musicale di questo Paese. E' evidente che ci sono sponsor che non credono in un evento come questo che effettivamente propone talenti. Non sappiamo su quanto possiamo contare: c'è chi vuole sfilarsi e chi vuole spendere meno.

Via | tmnews

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail