Il glossario degli ingredienti nei prodotti di bellezza


Non ditemi che anche voi non leggete gli ingredienti dei prodotti di bellezza, quelli scritti con caratteri da prova oculistica sul retro della confezione. Che non vi siete mai chieste cosa sia l'onnipresente sodium laureth sulfate?

Io non lo faccio perchè ho una laurea in chimica o chissà quali competenze, ma perchè con avida curiosità devo sapere se davvero nel balsamo al burro di karitè, che sto per comprare, c'è almeno un pò di Butyrospermum parkii...ossia il nome botanico del burro di karitè.

Sul sito di Paula's Choice , un magazine dedicato a prodotti di bellezza con recensioni, consigli di tendenza ecc...ho trovato un glossario di ingredienti di cosmetici e prodotti di bellezza molto esaustivo. E' scritto in inglese ma con linguaggio tecnico che è abbastanza accessibile a tutti. Oltre a risalire al nome ufficiale delle varie piante, alghe e prodotti naturali si può sapere molto sulle sostanze conservanti (preservatives).

Forse può essere uno strumento in più, per discriminare tra i tanti specchietti per allodole delle case produttrici quei prodotti che rispettano per lo meno quanto dicono di contenere, e per capire se ci sono tante sostanze sintetiche o di derivazione industriale.

Altra cosa importante da tener presente è che gli ingredienti sono scritti in ordine direttamente proporzionale alla loro presenza, prima quelli con la maggior concetrazione e gli altri a scalare. Ad es. tornando al balsamo di cui sopra, se Butyrospermum parkii è tra gli ultimi ingredienti elencati, tanto vale lasciar perdere e dirottarsi su un altro prodotto.

Siete avvisate, se incontrate una che al supermercato, in profumeria, erboristeria e farmacia legge gli ingredienti come un archeologo di fronte ad un ennesimo papiro egizio, riesumato con fatica da uno scavo sotterraneo beh allora...tanto piacere, quella sono io!

  • shares
  • Mail