French manicure: regna il nero

french nera

Ha dominato quasi incontrastata per diversi anni la french manicure presentata inizialmente come la soluzione più chic, direttamente da Parigi, per decorare le proprie mani facendole apparire impeccabili, ordinate, discrete, il più possibili naturali. Poi venne la mania della ricostruzione in gel e la french manicure assunse una direzione un po’ diversa, con certe esagerazioni ai limiti o anche ben oltre i limiti del kitsch.

Abbandonarla per molte di noi è stato un tutt’uno con il rifiuto di certa nail art un po’ sopra le righe rispetto al risultato naturale ed elegante che si desiderava. La french però non ci sta e si rinnova per far breccia ancora nei nostri cuori. Nelle numerose varianti che abbiamo scoperto compaiono anche la versione in nero con la doppia finitura opaca e lucida che ci era tanto piaciuta.

È dunque il nero a dominare, anche nelle rivisitazioni più recenti viste in passerella ma non solo. Due le direzioni: unghia nera e lunetta colorata; inversione della lunetta, che si disegna alla radice dell’unghia e non più in punta, assumendo le forme di quella che si definisce half moon manicure. Quale preferite?

  • shares
  • Mail