Lavori a maglia

Lavorare a maglia è divertente e rilassante, un hobby che per noi è per lo più diletto ma che per le nostre nonne e bisnonne era una necessità, compravano la lana e facevano maglioni, cappelli, sciarpe, poi man mano li scucivano e facevano altre cose, un vero e proprio riciclo creativo, quando ancora non esistevano questi termini e la lotta agli sprechi era semplicemente la normalità. I lavori a maglia sono carichi di amore, ci vuole tanta pazienza per portare a termine un progetto.

Imparare a lavorare a maglia non è semplice, inutile dire il contrario, all’inizio vi confonderete con i punti, qua e là ci sarà qualche buchino, insomma non sarà tutto perfetto, ed è bene che sia così e che impariate ad accettare queste imperfezioni, nei lavori manuali sono all’ordine del giorno e forse sono la parte più bella.

Il modo migliore per imparare a lavorare ai ferri è trovare qualcuno che vi segua, una nonna, un’amica, una zia, una persona esperta e dotata di una buona dose di pazienza che possa darvi una mano, almeno a imparare le cose fondamentali che sono queste:

  • Mettere su le maglie, cioè a iniziare un lavoro
  • Maglia dritta
  • Il rovescio
  • La maglia rasata
  • Chiudere il lavoro



Una volta imparati questi, ed altri punti particolarmente importanti, potrete iniziare a divertirvi davvero, ovvero potete prendere uno schema qualsiasi e fare i vostri capolavori semplicemente seguendo le istruzioni, perché comprendete quei geroglifici che un tempo consideravate turco aramaico! Comprate sempre della ottima lana, mi raccomando.