Dolce&Gabbana, la lettera ad Amica: il futuro della moda è “con i piedi per terra”