Manolo Blahnik, tutti ai suoi piedi