Milano Moda Uomo: l’uomo alternativo e il ritorno del logo