Moda, strip-tease e pubblicità virale: un trio da oscar