Social Suicide: alta sartorialità “sovversiva” per l’uomo londinese!