Omega presenta Terra: 90 minuti di documentario di Yann Arthus-Bertrand & Michael Pitiot

Omega presenta Terra, il nuovo documentario di Yann Arthus Bertrand. Il documentario, di 90 minuti, è un tributo alla specie umana che mostra chiaramente che siamo ancora capaci di cambiare il nostro futuro semplicemente osservando la vita con un punto di vista differente

Omega presenta Terra, 90 minuti di documentario di Yann Arthus-Bertrand & Michael Pitiot prodotto da Hope Production. Un tributo alla specie umana, che mostra chiaramente che siamo ancora capaci di cambiare il nostro futuro semplicemente osservando la vita con un punto di vista differente.

Terra rivolge la sua attenzione alla storia naturale della razza umana e alla sua esistenza sul nostro pianeta. Uno sguardo al passato, verso il viaggio unico di una specie, che tra milioni di altre, si è evoluta ed è emersa durante le diverse fasi dello sviluppo del pianeta. Con il procedere della trama lo spettatore diventa testimone delle caratteristiche eccezionali ed uniche di alcune delle più disparate forme di vita.

La narrazione, che soggettivamente incarna l’umanità stessa, gradualmente devia dalla storia naturale e mostra come la nostra specie rappresenta il mondo in cui viviamo. Come ha fatto l’uomo a diventare conscio del mondo che lo circonda? Come si è evoluta la sua visione durante migliaia di anni fino ad arrivare all’attuale stato di incoscienza? Come speriamo di interagire con le specie che ci circondano? La forza di Terra risiede proprio in questa domanda.

Questo documentario ci mostrerà come la nostra stessa immagine e rappresentazione della natura sia sempre stata decisiva per la storia dell’uomo, e come può essere cambiato il corso degli eventi a venire. La natura selvaggia è diventata un elemento di pura fantasia, un’infinita risorsa di spettacolo, sia esso affascinante, preoccupante o tragico. In realtà gli animali selvaggi sono diventati i rifugiati del nostro pianeta terra. Affamati, assetati e senza nessun posto dove potersi rifugiare. Questa situazione è condivisa con parte dell’umanità che sta anch’essa soffrendo. Il raziocinio ultimo del film è che la condizione animale non è diversa da quella umana. Tutte le emissioni di gas serra per produrre il film sono state compensate dal programma “Action Carbon” della Fondazione GoodPlanet. Il documentario sarà trasmesso in escluisva su Netflix dal 1° Maggio 2016.