Gli scienziati smontano un altro mito: il piacere femminile non starebbe in nessun "punto"

Signor G

L'argomento è controverso e ciclico, ritorna spesso, come le mode; ed esattamente come queste ultime, si ripete. Ne abbiamo sentito parlare già in tutte le salse, lo sentiamo decantare da oltre 50 anni, da quando il ginecologo Ernst Grafenberg ne coniò la definizione più conosciuta. E a fasi alterne questo famoso "punto" del corpo femminile, sembra scomparire in un nulla cosmico, per poi riapparire in qualche nuova ricerca.

E proprio dell'ennesimo studio parliamo questa volta, uno di quelli che rischia nuovamente di far scomparire il nostro "Signor G" nell'oblio: un team del King’s College London avrebbe infatti scoperto che quest'ultimo in realtà non esiste. Si tratterebbe di un mito, di una leggenda, tutt'al più di una condizione psicologica soggettiva, senza alcun fondamento fisico.

Alla conclusione, gli studiosi sono arrivati analizzando 1800 donne: sono state prese in esame tutte coppie di gemelle che, a livello fisico, avrebbero dovuto presentare le stesse identiche caratteristiche; ma mentre alcune sostenevano di possedere e sentire il famoso punto, le loro "metà" sostenevano invece il contrario. Da qui il logico finale: il Signor G è una favoletta per bambini.

I ricercatori aggiungono che alla luce di questa "scoperta" non ci sarebbe motivo per le donne che non hanno mai conosciuto il Signor G di sentirsi inadeguate, perchè chi invece sostiene di averlo incontrato, bè ha visto un fantasma. Allora vi chiedo: preferite la favola oppure vi piace l'idea di questa "nuova" scoperta scientifica??

Via | BBC

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail