Daniel Craig diventa drag queen per i diritti delle donne

In onore della festa delle donne (il mondiale International Women’s Day), Daniel Craig ha voluto interpretare un video nel quale si trasforma in donna. Niente di soprannaturale o parodistico: l’attore, celebre per il ruolo mascolino di James Bond, ha preso parte ad un progetto per difendere la donna, spesso ancora vittima di discriminazione. Essere uomo

In onore della festa delle donne (il mondiale International Women’s Day), Daniel Craig ha voluto interpretare un video nel quale si trasforma in donna. Niente di soprannaturale o parodistico: l’attore, celebre per il ruolo mascolino di James Bond, ha preso parte ad un progetto per difendere la donna, spesso ancora vittima di discriminazione.

Essere uomo è ancora un vantaggio e la donna è spesso pagata meno di quanto sia remunerato un suo collega maschio, è troppo spesso vittima di violenza domestica e la gravidanza può ancora mettere a rischio il posto di lavoro.

Siamo nel 2010 2011 ma ancora si sente la necessità di prendere apertamente posizione per i diritti di chi non è abbastanza fortunato come noi. Ci si spoglia della propria vita, del proprio ruolo e ci si mette nei panni di un’altra persona. In questo caso, si indossa anche una parrucca bionda e non si ha paura o timore di scalfire la propria immagine da macho, solo perché in abiti femminili. Poi, anche in versione ‘blond‘, Daniel mantiene sempre un’immagine assolutamente credibile e non da facile sghignazzata.