John Galliano collezione primavera estate 2017: il savoir-faire romantico e le favole naif, la sfilata a Parigi

Sulle passerelle della Parigi Fashion Week ha sfilato la collezione primavera estate 2017 di John Galliano, che si ispira al piacere di vestirsi visto attraverso gli occhi di una bambina, una storia in cui sono mescolati il savoir-faire e la gioia di vestirsi. Guarda tutte le immagini del fashion show su Style & Fashion

Sulle passerelle della Parigi Fashion Week ha sfilato la collezione primavera estate 2017 di John Galliano, che si ispira al piacere di vestirsi visto attraverso gli occhi di una bambina. È come se una giovane ragazza riaprisse dei bauli pieni di abiti accumulati da diverse generazioni, un meraviglioso mucchio di vestiti che portano il segno del tempo, esprimono il ricordo di avventure romantiche e di vite vissute con pienezza. Alcuni sono in cattive condizioni, altri come se fossero nuovi, questi capi del guardaroba maschile e femminile non aspettavano altro: essere indossati per gioco seguendo i capricci ingenui di un immaginario precoce.

Questo è lo spirito intorno al quale il direttore creativo Bill Gaytten ha costruito la scaletta della sfilata, alternando pezzi d’epoca ricreati per l’occasione con abiti aristocratici e naif allo stesso tempo. La palette di colori è tutta in sordina: off-white, écru, azzurro polvere, nero riscaldati da accenni di rosa lipgloss. Fra i capi più significativi della collezione: le giacche da uomo realizzate in tessuti da tappezzeria o tinti usando tecniche artigianali e poi invecchiati, i pantaloni volutamente oversize, i delicati abiti in tulle e pizzo di chiffon di seta pura d’ispirazione 1930 impreziositi da ricami, volant e décolleté drappeggiati che restano la firma della maison John Galliano.

I capi sono spesso impreziositi da ricami in stile antico realizzati con perline baguette nere che definiscono motivi floreali scintillanti con effetto 3D in “negativo”. I caleçons d’ispirazione militare, l’uso di jacquards dai temi vegetali e della Toile de Jouy sbiadita accentuano l’idea di un guardaroba fatto di cimeli di famiglia. Gli indumenti intimi sono a vista, mutande e reggiseni a triangolo che esprimono più l’innocenza che la seduzione. Le maschere in cartapesta portate “sulle ventitré” sono state realizzate da Stephen Jones e riproducono alcuni animali cari ai bambini: un coniglio, il gufo, il leone, il cane, una zebra, due personaggi dei fumetti piuttosto old-school.

Le avvolgenti cinture in pelle, una piuma portata in testa, i ciondoli dai motivi animalier, accessori che si accumulano gli uni sugli altri, talvolta “generosamente”, proprio come una ragazza che colleziona i ricordi di famiglia. E infine i sandali stiletto decorati da foglie e The Chain, la nuova borsa disponibile unicamente nelle boutique John Galliano, trasformano il sogno di una bambina in una visone moderna ed estremamente femminile.

“Per me, questa collezione risveglia l’immaginazione” dice Bill Gaytten “ho voluto raccontare una storia in cui sono mescolati il savoir-faire e la gioia di vestirsi, cercando di esprimere il presente.”