parliamo diOmofobia, Pink crime

Guido Barilla a chiesto scusa agli omosessuali: si tratta di una decisione sicuramente politically correct, ma almeno rappresenta la sconfitta di un modo di pensare non tanto omofobo quanto ignorante e bigotto che va estirpato da quella che Nichi Vendola ha recentemente definito “Italietta”, proprio in rapporto alle dichiarazioni del presidente.

Diciamocelo chiaramente: il signor Barilla parlava di marketing e forse un discorso del genere, se lui fosse stato un cittadino non in vista, non sarebbe stato neanche da condannare in maniera così pesante; ma non è questo che ci interessa: messa da parte qualsiasi considerazione su ciò che ha detto o non ha detto, la situazione è stata comunque una buona occasione per far parlare di famiglia allargata e diffondere un messaggio diverso da quello che i nostri signori politici continuano a (cercare di) trasmettere.

Le scuse di Guido Barilla sono arrivate in data 26 settembre:

“Con riferimento alle mie dichiarazioni rese ieri alla Zanzara, mi scuso se le mie parole hanno generato fraintendimenti o polemiche, e se hanno urtato la sensibilità di alcune persone. Per chiarezza desidero precisare che ho il più profondo rispetto per qualunque persona, senza distinzione alcuna. Nutro il massimo rispetto per gli omosessuali e per la libertà di espressione di chiunque. Ho anche detto e ribadisco che rispetto i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Barilla nelle sue pubblicità ha sempre scelto di rappresentare la famiglia perché questa è il simbolo dell’accoglienza e degli affetti per tutti. Guido Barilla”.

Guido Barilla si scusa in video

[iframe width=”620″ height=”345″ src=”https://www.facebook.com/video/embed?video_id=10151621052990899″ frameborder=”0″]

Ma allora il presidente dell’azienda non sapeva nulla di ciò che sarebbe accaduto – pensate che è intervenuta persino Cher sulla faccenda -: ecco perché le scuse non potevamo che arrivare pure due giorni dopo, precisamente in data 28 settembre: il presidente si scusa e promette che incontrerà le principali associazioni gay, ammettendo di non essere al passo coi tempi e di aver inteso poco l’evoluzione della famiglia. Buona visione!

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su