Troppo brutta per la tv? Forse troppo intelligente

Troppo brutta per la tv? Forse troppo intelligente

Che in tv ci abbiano abituati al bel visetto o all'aspetto piuttosto piacevole delle donne è certo. Forse é proprio la continua presenza di conduttrici o starlette piacenti ad averci intontito. Il fatto è che tutto questo non succede solo sulla tv italiana ma anche su quella britannica dove evidentemente le donne belle sono più diffuse delle intelligenti.

C'è un caso però che ci fa apprezzare un canale come BBC2 che trasmette i programmi di Mary Beard, Docente di Discipline Classiche presso l'Università di Cambridge. La storica realizza documentari sul mondo romano, pur non essendo una bellezza. Ma che importanza ha se è una professionista capace, intelligente, e intrattiene il pubblico in maniera convincente?

Ma c'è qualcuno (e forse qualcun' altro) che non la pensa come me. Si tratta del critico televisivo A.A. Gill che avrebbe dovuto recensire il documentario, piuttosto che mettere bocca sull'aspetto della Beard. Evidentemente era più interessato al suo aspetto che ad altro.

Le sue osservazioni scritte su The Sunday Times erano piuttosto offensive. Il critico ha suggerito che la Beard doveva essere tenuta lontano dalle telecamere aggiungendo che doveva fa parte del cast di "The Undateables", un recente programma che tratta della difficoltà di un gruppo di persone disabili e dai volti sfigurati a trovare l'amore. Come non esplodere a queste affermazioni?

Nel corso della storia ci sono sempre stati uomini come Gill che hanno avuto paura delle donne intelligenti che parlano alla testa delle persone. Sicuramente Mary Beard è una di loro, e non è l'unica perchè anche il commentatore sportivo Clare Balding è stata in passato insultata da Gill, e in questa siuazione ha sostenuto Mary, twittando così: "Penso che sia intimidito da noi. E' davvero triste che non sia in grado di valutare le donne in modo intelligente." Ma anche molti telespettatori hanno difeso via Twitter la Docente ("Sono dalla parte di Mary Beard. E' brillante. Chi se ne frega del make-up")

La questione importante è quello che Mary Beard fa non quello che appare, e soprattutto che realizza dei programmi che assorbono, interessano. Beard medita vendetta. Io non perderei del tempo: in fondo chi può essere influenzato dalle osservazioni di gente come Gill, uomini che non hanno un pensiero proprio o originale ma pensano ad affermarsi solo gettando discredito su chi è meglio di loro (e immagino che siano in tanti!)?

Via | DailyMail
Foto | BBC

  • shares
  • Mail