I pronomi durante gli speed date: l'importanza del linguaggio per acchiappare

Dating

Continuo a sentir parlare degli speed date, ma non sono ancora riuscita a parteciparvi, se non altro per interesse sociologico. Si fanno incontri interessanti? Si riesce a stabilire un contatto? Oppure è soltanto un modo per divertirsi e fare casino?

Francamente non ho gli elementi per rispondere; ma posso dedurre che si tratti di fenomeni intriganti, dato che vengono talvolta analizzati come situazioni "campione" per tentare di comprendere certi fenomeni sociali. Ad esempio tale James Pennbeaker, psicologo della University of Texas Austin, ha utilizzato gli speed date come banco di prova per capire l'importanza del linguaggio durante gli episodi di dating.

E quel che ha scoperto sembra avere, a prima vista, dell'incredibile: ci sarebbe infatti un elemento in particolare a fare la differenza in un incontro, a decretarne il successo o l'insuccesso. Difficile anche solo da immaginare: i pronomi. L'utilizzo dei pronomi da parte delle persone coinvolte in un "primo" appuntamento sarebbe fondamentale per capire se la storia ha qualche possibilità di sopravvivere.

Sarebbero anche altri gli elementi del linguaggio considerati importanti, come gli articoli o le preposizioni; secondo Pennbeaker tutto dipende dal fatto che quando ci piace una persona, automaticamente cambiamo il nostro modo di parlare ed è inutile pensarci razionalmente, perchè la cosa accadrà a livello inconscio. Io penso invece che l'uso della lingua in modo corretto sia indispensabile durante un primo appuntamento, a meno che l'unico obiettivo di un incontro non siano disquisizioni filosofiche e diatribe dialettiche, ma altre faccende che non richiedano necessariamente una certa padronanza del linguaggio parlato. Voi cosa ne pensate?

Via | Gizmodo

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail