Ceretta araba, un vecchio rimedio sempre più in voga

Rasoio, ceretta a caldo, ceretta a freddo, strisce preconfezionate, epilatore elettrico e, ultima diavoleria, epilatore a luce pulsata. La lista dei rimedi per avere una pelle a prova di piuma, è lunga quanto una quaresima. E come in quaresima, ciascuno di questi metodi, richiede piccoli grandi sacrifici e/o sofferenze. Ma chi lo ha detto che per avere un corpo liscio si debba spendere necessariamente una fortuna dall’estetista o autoinfliggersi strappi punitivi con i prodotti che si acquistano sugli scaffali delle profumerie? Nessuno! Ed è per questo che sempre più donne si affidano ai rimedi casalinghi che promettono meno dolore, meno sostanze nocive a contatto con la pelle e più risparmio.

Il rimedio più in voga è la ceretta araba (o anche brasiliana), un composto simil melassa fatto di zucchero, acqua e una cucchiaiata di limone, che prevede una variante con l’aggiunta di un cucchiaino di sale fino. Impazzano in rete video e siti che spiegano step by step come crearlo e come utilizzarlo o conservarlo al meglio. A titolo esemplificativo abbiamo scelto da youtube quello di Maha, che per una volta non ci insegna a parlare l'arabo ma a depilarci da regine d'Oriente. Risultati sorprendenti, dicono in molte, e costi irrisori. Rimane da chiedersi se sia un metodo universalmente valido per ogni tipo di donna e ogni tipo di pelle. Una volta appurato questo e quanto sia "nelle nostre corde" al bando la pigrizia e dopo aver spadellato lo zucchero, possiamo passare all'azione.

Già nel 2007, Pinkblog ne aveva scritto proponendo la ricetta per la ceretta araba, ma da allora ad oggi, si sono susseguiti in rete una caterva di siti improntati sul fai da te in ambito "beauty", che hanno dato ampio respiro e spazio ai rimedi verdi per depilarsi le zone più o meno sensibili senza ricorrere all'estetista. Sarà una vera e propria rivoluzione araba, seconda solo a quella dei numeri?

Vale la pena di fare qualche tentativo, non fosse altro per la curiosità di provare, aiutate dal fatto che gli ingredienti si trovano facilmente nelle nostre cucine. Male che vada, se proprio non dovesse soddisfarci il risultato estetico, avremo almeno imparato a fare un buon caramello.
E voi pinkolettrici che ne dite? Quali sono le vostre avventure con le cerette? Fateci sapere.

  • shares
  • Mail