La fantascienza vintage sui biglietti da visita

I biglietti da visita di un’insegnante di inglese brasiliana citano i film di fantascienza anni ’50

di cuttv


Dischi volanti, mostri occhiuti, alieni con i tentacoli, donnine urlanti e perfino Boris Karloff: sono tutte icone provenienti dall’immaginario dei b-movies di fantascienza americani degli anni ’50. L’agenzia brasiliana Kong Rex le ha scelte per illustrare dei biglietti da visita.

L’idea, davvero sopra le righe è che Giovana Breitschaft, insegnante di inglese freelance si presenti come capace di far passare la paura di parlare una lingua straniera. Le immagini, a tutto campo, fanno da sfondo al riquadro fuchsia che contiene le info di contatto, in inglese su un lato e in portoghese sull’altro.

Nonostante il blocco davanti all’idioma straniero sia piuttosto comune, l’associazione con la fantascienza vintage non sembra così immediato. Eppure questi biglietti colpiscono, e non solo per il loro appeal cromatico, la scelta audace di farsi introdurre da immagini tanto connotate è un modo per portare con sé un pezzo della cultura che si insegnerà attraverso la lingua.

Via | Lovelystationery.com

Sci-fi e b-movies sui biglietti da visita
Sci-fi e b-movies sui biglietti da visita Sci-fi e b-movies sui biglietti da visita

I Video di Pinkblog