Contro la violenza sulle donne proposto il divieto dei manichini in lingerie in India

L’India è il Paese che ha il record di violenza sulle donne. Ogni 20 minuti una ragazza viene stuprata e solo nel mese di marzo sono stati registrati dai tribunali indiani 24 mila casi. Una cifra che fa orrore. Per fermare questa tremenda realtà, un’associazione ha proposto di vietare nei negozi i manichini in lingerie e abiti succinti.



Come fermare la violenza sulle donne in India? L’associazione Brihanmumbai Municipal Corporation (BMC) ha proposto di vietare l’esposizione nelle vetrine dei negozi di manichini in lingerie o minidress in India. Non bisogna pensare alla donna come un oggetto sessuale, lì in bella mostra e soprattutto disponibile. Questo perché il numero di stupri nel Paese è davvero tremendo. Le città con il record più alto sono Mumbai e Nuova Delhi. La consigliera Ritu Tawade intervistata dalla televisione indiana NDTV news channel, ha dichiarato:

I manichini di biancheria intima alimentano gli stupri e possono deviare le menti dei giovani. Dopo i casi di stupro a Delhi, sentivo la necessità di fare qualcosa. La proposta proibisce la rappresentazione indecente delle donne attraverso pubblicità o sulle riviste, pittura o in qualsiasi altro luogo, per proteggere la "morale pubblica".

Non si sa se questo provvedimento sarà approvato e soprattutto se porterà a qualcosa di positivo. Certo la situazione è davvero drammatica. Ricordiamo che in India le donne, purtroppo, non valgono nulla. È una prassi comune l’aborto di genere, nel caso i genitori siano in grado di sapere per tempo il sesso del bambino.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail