Russia: l’omosessualità sparirà quando non se ne parlerà più

In Russia proposta legge locale per non parlare di omosessualità

di robo


Nella città russa di Arcangelo è stato presentato un progetto di legge locale per vietare la “propaganda” dell’omosessualità per evitare che i minori siano “reclutati” verso questo orientamento sessuale. Numerosi giornali locali hanno dedicato ampi articoli alla questione allertando le persone sui gravi pericoli che comporta l’informare i giovani sui diversi orientamenti sessuali.

C’è chi parla di legge giusta per evitare le perversioni sessuali, chi mette in risalto come l’omosessualità sia un pericolo per la demografia e chi sostiene che

la formazione dell’orientamento sessuale avviene in un periodo tra i sette e i venti anni, grazie anche agli annunci omosessuali che, insieme ad altri fattori (come vivere in una famiglia con problemi o incompleta, mancanze nell’educazione…), possono contribuire a creare l’identità sessuale nei giovani.

Allora, il rimedio per porre fine al nostro innominabile vizio è così facile? Basta non parlarne più e… puff! tutti etero. Dovremo dirlo a Giovanardi, Binetti & co, così la smettono di tirarci in ballo in ogni questione…

Foto | Flickr

Ultime notizie su Omofobia

Tutto su Omofobia →