A cosa serve il Peridon e quali sono le dosi per bambini e adulti

Il Peridon è un medicinale antiemetico, usato in caso di nausea e vomito e indicato sia per i bambini che per gli adulti. Vediamo le dosi e la posologia


Il Peridon è un farmaco a base di domperidone, che viene prescritto sia ai bambini che agli adulti quando vi sia una condizione di malessere associata a nausea e vomito. Questi stati, a lor volta, possono essere sia primari che secondari, legati quindi a malattie dell'apparato gastrointestinale, influenze, o effetti collaterali di altre terapie farmacologiche.

Come anticipato, il principio attivo del Peridon è la molecola di domperidone, in grado di alleviare o interrompere i conati di vomito e alleviare il senso di nausea continua, un po' come il Plasil, altro medicinale antiemetico. Come si può assumere questo medicinale? In farmacia lo troviamo in diverse forme, e per la precisione:


  • Compresse rivestite da film
  • Granulato effervescente in bustine
  • Supposte
  • Sospensione orale (sciroppo)


Per quanto riguarda il dosaggio dei bambini, per i cui disturbi di stomaco il Peridon è particolarmente indicato, ecco come regolarsi:


  • Sospensione orale: 02-05 mg/kg di peso fino a 3-4 volte al giorno ma senza superare la dose massima di 80 mg
  • Supposte per i bambini (purché di peso superiore ai 15 kg): 2 da 30 mg al giorno

Gli adulti, invece, possono assumere il Peridon in tutte le sue forme. Ecco il dosaggio consigliato, tenendo conto che la cura non andrà protratta per più di 4 settimane.


  • Compresse rivestite: 1-2 compresse da 10 mg 3-4 volte al giorno
  • Granulato effervescente: 1-2 bustine da 10 mg 3-4 volte (per un massimo di 8 bustine)
  • Sospensione orale: 10-20 ml 3-4 volte al giorno
  • Supposte: 1 da 60 mg due volte al giorno

Attenzione a non superare le dosi consigliate (ovvero gli 80 mg al giorno), perché questo farmaco può dare effetti collaterali, in particolare un sovradosaggio porterà sintomi a carico del sistema nervoso come mal di testa, sonnolenza, persino convulsioni, specie nei bambini. Se la somministrazione del Peridon dovesse superare le 4 settimane, meglio valutare eventuali analisi con il proprio medico per scongiurare conseguenze sul fisico.

Foto| di Vera Kratovchil per PublicDomainPictures

  • shares
  • Mail