Cile: presentato il progetto di legge per le unioni gay

Il presidente del Cile, Sebastián Piñera, presenta un progetto per le unioni civili gay

di robo


Nonostante lo scetticismo generale degli inizi, il presidente del Cile, Sebastián Piñera, ha presentato il progetto di legge per le unioni gay. Il progetto, in verità, riguarda le unioni civili in genere – sia gay che etero – perché, secondo le parole del presidente stesso, “in entrambe le tipologie di coppie è possibile sviluppare l’amore, l’affetto e il rispetto”. Il progetto di unione civile si chiama Acuerdo de vida en común e quando sarà approvato

due persone adulte, single, che non siano fratelli e né legami di parentela e mantengano una relazione affettiva, potranno vedere riconosciuta la loro relazione e celebrare, così, la loro vita di coppia.

La decisione di presentare il progetto di unioni gay aveva alzato un polverone in Cile, specialmente tra le fila della Unión Demócrata Independiente che governa in coalizione con il partito conservatore del presidente. Nei fatti, i colleghi di governo Sebastián Piñera non hanno preso parte alla partecipazione del progetto.

Dal canto suo l’Unión Demócrata Independiente ha fatto sapere, per bocca del proprio presidente Juan Antonio Coloma, che non condivide il progetto di Piñera ma ha presentato un proprio disegno – Pacto de Asistencia Recíproca – che riconosce i benefici di carattere patrimoniale per i gay, ma non l’unione di fatto.

Il progetto di Piñera, sebbene molto migliorabile sotto diversi punti di vista, al momento risulta il più fattibile per il Cile ed è molto più avanti di quello che propongono le altre forze politiche. Nell’attesa che ci sia il vero salto egualitario con l’approvazione di matrimoni per tutti, anche per le coppie dello stesso sesso.

Foto | Ambiente G

I Video di Pinkblog

Eni: Palazzo Mattei si colora di arancione contro la violenza sulle donne