L’arte e gli amori di Romaine Brooks

La vita ricca e privilegiata della Brooks ci trasporta nella Parigi della rive gauche tra grandi artisti e donne bellissime

di Giorgio


Figlia di ricchissimi americani, Romaine Brooks nacque quasi per caso a Roma nel 1874. Un’internazionalità che già dai primissimi vagiti sembra preannunciare incontri favolosi, amori infuocati (sia con uomini che con donne) e un immenso talento per la pittura. Trasferitasi a Parigi, la Brooks -soprannominata da Gabriele D’Annunzio (uno dei suoi tanti amanti) Cinerina per l’uso esclusivo che faceva dei toni grigi- diventa ben presto uno dei nomi più conosciuti e scoppiettanti della leggendaria rive Gauche.

Questi di Parigi sono anche gli anni della passione per la grande ballerina Ida Rubinstein che dipinge in una serie di rapinosi ritratti e dei tanti quadri che ritraggono celebrità dalla sessualità scandalosa come Una Troubridge, amante della scrittrice Radclyffe Hall, Jean Cocteau e la pianista italiana Renata Borgatti (altra sua amante). Coraggiosa e sempre pronta ad essere travolta e conquistata dalla vita, la Brooks passerà disinvolta di amante in amante (legandosi per quasi cinquant’anni a Natalie Barney), di dipinto in dipinto, ricevendo infine anche l’ambitissima Legione d’onore che la pittrice sfoggerà, con orgoglio, in uno dei suoi più celebri autoritratti.

I Video di Pinkblog

Marc Jacobs invites you to the SS11 Fashion Show