Assoluzione per il Movimento omosessuale sardo

Il giudice di Sassari ha assolto il presidente del Mos per la manfestazione del 2007 conclusa con l’occupazione della sala del consiglio comunale

di


Non ci fu nessun reato il 28 giugno del 2007, quando il Mos concluse una manifestazione per i diritti civili delle persone lgbt con l’occupazione simbolica dell’aula del Consiglio comunale di Sassari. Il Tribunale della città sarda ha assolto con formula piena Massimo Mele, presidente del Mos e imputato nel processo che si è appena concluso.

Per il giudice Plinia Azzena non ci può essere alcuna condanna “perché il fatto non sussiste”, come aveva chiesto lo stesso pubblico ministero Giuseppe Sanna. Secondo i magistrati non fu il “mancato rispetto delle prescrizioni della Questura”, che aveva autorizzato un sit-in, ma non una manifestazione itinerante “per non intralciare il traffico delle persone e dei veicoli”.

La manifestazione, in ogni caso, era stata del tutto pacifica e, compreso l’ingresso nell’aula di palazzo Ducale, concordata con i dirigenti della digos e della polizia municipale presenti sul posto. Il segnale più positivo da questa vicenda arriva dal consiglio comunale che si appresta ad approvare un ordine del giorno contro l’omofobia e la transfobia, uno degli obiettivi per cui protestava il Mos.

I Video di Pinkblog

Irene Camber, oro olimpico ad Helsinki, compie 95 anni

Ultime notizie su Pink crime

Tutto su Pink crime →