Hans Christian Andersen e la fiaba spezzata

Nonostante il successo, gli elogi internazionali, i tanti riconoscimenti, l’amore rimase per Andersen sempre un miraggio

di Giorgio


Le sue storie continuano a commuovere grandi e piccoli e le sue fiabe, trasposte sul grande schermo, da sempre rapiscono l’immaginazione del pubblico. A distanza di tanti anni dalla sua morte, Hans Christian Andersen(1805-1875) rimane un grande narratore che dal “Nord del mondo” ancora incanta il cuore, anche se la sua vita privata fu in realtà estremamente infelice ed i suoi amori (sia per le donne che per gli uomini) destinati immancabilmente, drammaticamente al rifiuto.

Nelle sue favole, molti critici, pensano di individuare le sue tante frustrazioni sentimentali, i suoi tanti desideri sessuali negati e così da anni passano al setaccio i suoi racconti più belli, le sue favole più celebri, dalla Piccola Sirenetta al Soldatino di Stagno, alla ricerca di verità sotterranee, sepolte dall’autore nei sostrati più profondi delle sue opere. Ma noi per conoscerlo meglio ci affideremo molto più semplicemente alle sue lettere personali dove l’amore per Edvard Collin, una delle sue più brucianti passioni non corrisposte, scorre caldo ed impetuoso come un fiume pronto a rompere da un istante all’altro gli argini. Nelle sue parole: “Mi struggo per voi.. i miei sentimenti sono quelli di una donna” giace tutto il cuore di un uomo glorificato dal successo, ma eluso dall’amore.

I Video di Pinkblog

Ian Thorpe Comes Out – Announces He Is Gay – The Parkinson Interview