Su YouTube un video per promuovere la fertilità

Il video che vedete sopra è stato diffuso su YouTube ed è la campagna della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) in difesa della fertilità: “La fertilità è un patrimonio che va difeso: non perdete di vista l’orologio biologico”. Il messaggio del video, dedicato soprattutto ad un pubblico femminile chiede alle donne di non sottovalutare

Il video che vedete sopra è stato diffuso su YouTube ed è la campagna della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) in difesa della fertilità: “La fertilità è un patrimonio che va difeso: non perdete di vista l’orologio biologico”.

 

Il messaggio del video, dedicato soprattutto ad un pubblico femminile chiede alle donne di non sottovalutare l’importanza dell’età: la fertilità femminile è massima fino ai 20 anni, si dimezza intorno ai 35, scende al 10% dopo i 40 anni.
Questo non significa che chi ha oltrepassato questa soglia debba disperare, ma è importante ricordarsi di considerare anche questo aspetto nella pianificazione della propria vita familiare e professionale. “Non sempre la fecondazione assistita può essere una soluzione per ‘ripararè quando si è atteso troppo dichiara il presidente Giorgio Vittori anche se in Italia nel 2006 hanno scelto questa via 52.206 coppie. Anche in questo caso l’età avanzata è infatti un fattore che riduce le possibilità di successo: se a 30 anni il 30% dei tentativi riesce, dopo i 45 è solo l’1%”.

La scelta di usare YouTube per diffondere il loro messaggio è abbastanza ovvia: l’idea di puntare sulla rete è per informare soprattutto un pubblico giovane. “Scegliamo you tube per parlare a ragazze che spesso non si pongono nemmeno il problema della futura maternità anzi, sono spesso preoccupate solo di evitare gravidanze indesiderate, senza rendersi conto di quanto sia delicato l’equilibrio che regola la biologia femminile”.

L’occasione è anche quella di ricordare alle donne che anche le malattie sessualmente trasmissibili possono compromettere per sempre la capacità riproduttiva e anche alcol, fumo e uno scorretto regime alimentare: l’eccessiva magrezza può causare irregolarità mestruali fino a sopprimere del tutto l’ovulazione, mentre l’obesità può interferire con il funzionamento del sistema ormonale.

Ma anche il mondo che ci circonda non aiuta le donne a sostenere la responsabilità di una gravidanza e di un figlio. E molte volte le donne non sanno i diritti che hanno durante la gravidanza, per avere maggiori informazioni leggi il post di Laura Cogo su MondoDonna.