USA: le coppie gay preferiscono il matrimonio alle unioni civili

I gay statunitensi preferiscono sposarsi invece che contrarre unioni civili

di robo


Uno studio realizzato dal Williams Institute – ente accademico dedicato ai temi lgbt e collegato alla Facoltà di Diritto della University of California, Los Angeles – ha comparato la situazione di diverse coppie dello stesso sesso che hanno formalizzato la loro relazioni negli stati che permettono il matrimonio ugualitario e negli stati che permettono le unioni civili (al momento attuale, negli USA, sono circa 140mila le coppie dello stesso legalmente riconosciute, di cui circa 50mila sono unite in matrimonio). Al di là di quello che si possa pensare a priori, esistono chiare differenze nel modo in cui le coppie si comportano dinanzi a uno o all’altro istituto giuridico: la velocità con la quale le coppie dello stesso sesso formalizzano la propria unione è maggiore in quegli stati in cui esiste il matrimonio ugualitario.

Afferma M. V. Lee Badgett, docente di economia e direttore della ricerca del Williams Institute:

Salta all’occhio come le coppie dello stesso sesso chiaramente preferiscano il matrimonio alle unioni civili o alle coppie di fatto. Le coppie dello stesso sesso contraggono matrimonio a una velocità molto maggiore durante il primo anno in cui entra in vigore l’istituto del matrimonio ugualitario rispetto a quei cittadini che possono solo accedere alle unioni civili. I nostri risultati sono coerenti con altre ricerche che mostrano come le coppie dello stesso sesso diano più valore al matrimonio per il suo significato sociale più che per i benefici che ne derivano.

Lo studio mostra anche una significativa tendenza delle coppie dello stesso sesso a spostarsi per contrarre matrimonio in quei stati che lo permettono, cosa questa che non avviene per quel che riguarda l’unione civile.

Foto | Nikolai Alekseev at en.wikipedia [CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

I Video di Pinkblog

Irene Camber, oro olimpico ad Helsinki, compie 95 anni