Povia, Luca era gay e il cartellone “Luca è ancora gay” (video)

Sfogo del cantante sulla sua pagina Facebook

Voi non ci crederete mai ma Povia ha parlato di… gay. Ebbene sì. Strano vero? Questa volta, il motivo al centro della discussione è la canzone con cui ha partecipato al Festival di Sanremo. Siete anche sorpresi che questo pezzo sia al motivo di polemica, vero? Vi capisco.

Il cantante, poco fa, ha postato un video sulla sua pagina Facebook (che potete vedere in apertura post) con le riprese di un suo concerto. Questa la frase che ha accompagnato il post:

“VIDEO DELLA TIPA CHE MI MANDA SIMPATICAMENTE A FANC…DURANTE IL CONCERTO A GIULIANOVA (Te)
Poi si lamentano che qualcuno in piazza diceva: “ma se Povia non vi piace andatevene, perchè lo dovete insultare?” Giorni dopo arriva in soccorso l’amica giornalista-genio e scrive in bimbominkiese su un giornale abruzzese: “SKANDALOOO GOMBLODDOOO RAZZ1SMOOO NAZZISMOO DISKRIMINAZZIONEEE CI VOLEVANO MANDARE V1AAA!! CUESTA NON E’ DEMOCRAZZ1AA!!! La verità è.. che da “Luca era gay” (storia vera) le lobby di potere mi hanno chiuso tutte le porte. Alcuni artisti sono caduti in depressione e si sono ripresi dopo molti anni. Altri si sono suicidati. Per fortuna che hanno trovato Povia e Povia nonostante questa grave ingiustizia, è un Toro! tali..geni io li chiamo geni..tali”

Sul suo canale YouTube, il cantante attribuisce il gesto della ragazza (un dito medio, per capirci) all’Arcigay. E si lamenta, via social network, di mancanza di democrazia e di essere stato emarginato (coff coff) dopo aver cantato quel pezzo che ha attirato così numerose polemiche, ai tempi. Non immaginava forse della pubblicità -negativa o positiva- che un testo e un brano del genere poteva attirare?

P.s. Un solo passaggio mi sfugge di senso in questo discorso: Povia sembra essere nato il 19 novembre 1972. A casa mia è Scorpione… e non Toro.