Proseguono le sfilate di AltaRomAltaModa a Roma e la blogger Sandra Rondini le sta seguendo sul blog WhyModa! Tantissime le foto, i video e le interviste! Partiamo dalla bellezza misurata delle collezioni di Camillo Bona che, in occasione dei suoi primi 30 anni di carriera, ha sfilato nella splendida cornice dello Spazio Etoile a Roma, con una special collection che ripercorre il suo lungo cammino alla ricerca della raffinatezza e dell'eleganza.

Mentre la collezione di Haute Couture Spring/Summer 2009 di Yulia Yanina è un vero sogno di leggerezza e incanto. E, soprattutto, un omaggio a due donne di grande personalità, cui la collezione è ispirata: Madeleine Vionnet e Coco Chanel, vere rivoluzionarie nello stile e nella moda. È ispirata al Marocco, invece, l'ultima collezione di haute couture di Fausto Sarli che ha sfilato a Roma a Santo Spirito in Sassia nell'ambito della settimana dell'Alta Moda capitolina. Il rosso fuoco delle colline di Ourika, l'ocra dei bastioni  della città di Marrakech, il bianco supremo di Casablanca, il blu Majorelle, il verde mandorla della regione del Rif.

vietnam2%20alta%20moda%20roma01.JPG

Ospite internazionale ad AltaRomAltaModa, la stilista vietnamita Minh Hanh è per la prima volta sotto i riflettori delle passerelle dell'alta moda romana. La collezione presentata nasce dalle ragazze delle tribù degli altipiani centrali e del Vietnam settentrionale, giovani custodi di tradizioni e riti antichi. La stoffa con cui loro stesse creano i propri vestiti viene ricavata dalla vegetazione di colline e montagne e lavorata con grande cura.

È un omaggio a George Barbier, grande creatore di fogge, vissuto nei primi anni del XX secolo e prematuramente scomparso, quello che la grande Raffaella Curiel ha deciso di regalare alle sue affezionati clienti romane con una presentazione privata della sua ultima collezione d'alta moda, filologicamente molto affascinante. Mentre il volo come sfida, aspirazione e sogno è al centro della nuova collezione firmata Gattinoni. Una collezione energica che sconfigge la gravità con volumi eterei e lievi. Abiti bon ton con allure, splendidamente fasciati da stole che si aprono sulle braccia come ali di farfalla. Per la prossima primavera/estate Guillermo Mariotto ha immaginato un'alta moda capace di liberarsi del superfluo, della materia per inseguire idealità e verità attraverso tessuti mutevoli, cangianti, fluttuanti.

A cinque anni cuciva vestiti per le bambole sognando di fare grandi cose nel mondo della moda. E ora che è cresciuta, la splendida siciliana Marella Ferrera continua a giocare con le bambole. In carne e ossa, però. Senza dimenticare quell'atmosfera di sogno che la cullava tanti anni fa quando tutto prendeva vita in pochi centimetri di pezze. Sogni di bambina diventata donna. 

Infine molto atteso da stampa e pubblico, Gabriele Colangelo non delude. E riconferma in pieno la sua fama di enfant prodige della moda italiana. A Santo Spirito in Sassia ha sfilato la sua collezione autunno-inverno 2009-10 da leggere in un contesto di tradizione sartoriale e tecnologia. Una visione, quella di Colangelo, estremamente contemporanea nello stile, che fa propri i metodi di artigianalità della confezione, della pellicceria e del ricamo.

Qui il link su WhyModa per vedere tutte le foto e i video delle sfilate romane!

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto