J.K. Rowling: “Hogwarts è uno spazio sicuro per gli studenti LGBT, Harry ci ha insegnato a non vivere nascosti”

J.K. Rowling interviene a favore della comunità LGBT, parlando della Hogwarts del suo Harry Potter

J.K. Rowling ha dichiarato apertamente che Hogwarts sarebbe una scuola perfetta, un posto sicuro, per la comunità LGBT: non ha preso parte a una conferenza per dirlo, né ha scritto un nuovo libro, ma si è semplicemente limitata a rispondere a una fan durante una sessione Q&A su Twitter. Nessuna operazione commerciale, dunque, ma semplice appoggio a una causa che in molti Paesi del mondo è ostacolata da istituzioni, società omofoba e non solo. Vediamo subito il post in questione.

Su Twitter una fan ha chiesto alla Rownling se pensa che ci fossero molti studenti gay a Hogwarts; è giusto dare per scontato – questo, il concetto della ragazza – che Hogwarts persone di vari orientamenti al suo interno ed è bello pensare – ha poi concluso – che la scuola sia un posto sicuro per gli studenti LGBT. La risposta dell’autrice di Harry Potter? Niente di più bello per un fan gay della saga: “Ma certo!”.

Anche se gli spazi di Harry Potter sono immaginari e, nella pratica, non cambia molto che quell’ambiente fosse gay friendly o meno, la presa di posizione della Rownling è ovviamente importante, poiché sono molti i ragazzi cresciuti con videogiochi, libri, film e storie legate al mondo di Harry Potter: sapere che il loro eroe – che “ci ha insegnato a non vivere di nascosto” – viveva in una scuola diversa da quella che molti ci immaginiamo (quella italiana, per esempio) rappresenta senz’altro un piccolo passo nella lotta contro l’omofobia e l’ignoranza.

Via | Newnownext.com

I Video di Pinkblog