Angelo Marani fa sfilare a Milano Moda Donna la Re-Evolution Collection (autunno -inverno 2009/2010) ed esalta tutta l'energia del rock e la forza rivoluzionaria del Settecento, condisce insomma in perfetta salsa francese il prossimo inverno.

Giacche, marsine, smilzi cappottini militari diventano parte di una nuova divisa dove ogni dettaglio è una puntualizzazione. C'è la matellina a strati con effetto impermeabile sul paltò dai bottoni regimental oro antico, c'è la fodera stampata e vividamente colorata all'interno della marsina nera, ci sono le nastrine in bachelite deep black sul cappotto in pannetto di cashmere nero.

Pezzi accostati a sottili jeans neri in guaina su cui viene trasferito, tono su tono, il pizzo chantilly che assume il disegno delle righe, del fiore piuttosto che del maculato. Neri sono anche i leggings in tessuto tecnico giapponese altamente traspirante: una seconda pelle da portare da mattina a sera.

La frivolezza di Marani è tutta nei broccati d'arredamento, prodotti in antiche tessiture comaschee poi trasformati in stoffa da sartoria perfetti per bustier, giacche e preziosi decori sul denim. Non mancano le paillettes plasmate su una stampa floreale impressa a caldo sull'oro. 

Leitmotiv della collezione è il cammeo in bassorilievo e strass di bottoni, bracciali e collane, spesso in bachelite nera, mentre le scarpe ricordano il tono aggressivo degli anfibi, ma s'ingentiliscono nel tronchetto di pelle nera a tacco svettante ricamato con borchie oro antico.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Uncategorized Leggi tutto