Elegante, seducente e trasgressiva. Anna Direchina dedica il suo debutto nel Prêt-à-Porter ad una donna forte e grintosa, che ama indossare sia lunghissimi cappotti militari di grisaglia e pantaloni maschili in pelle, sia tubini neri di raso stretch e impalpabili abiti sottoveste di seta. Una donna sicura di sé e del suo fascino, capace di provocare ed ammaliare anche in un severo e raffinatissimo smoking.

La Collezione Autunno/Inverno 2009-2010 della giovanissima stilista russa è una perfetta alchimia tra severità di forme militari e seduzione di drappeggi di seta, scollature e trasparenze che riportano alla mente le irresistibili protagoniste del Cotton Club.

Nero, blu, grigio e testa di moro i colori predominanti, fucsia il tocco di femminilità. Seta, chiffon, raso, cachemire, lana, grisaglie, pelle, shearling, i tessuti e i materiali. Preziosi anche i dettagli: bottoni decorati, polsi e colli di pelliccia, strass e ricami rievocano la tradizione sovietica che Anna Direchina sente oggi ancora molto viva e che ha voluto trasformare in abiti originali, realizzati interamente in Italia.

anna%20foto%201.jpg anna%20foto%202.jpg anna%20foto%203.jpg anna%20foto%204.jpg anna%20foto%205.jpg anna%20foto%206.jpg anna%20foto%207.jpg anna%20foto%208.jpg anna%20foto%209.jpg anna%20foto%2010.jpg anna%20foto%2011.jpg anna%20foto%2013.jpg anna%20foto%2014.jpg anna%20foto%2015.jpg anna%20foto%2016.jpg anna%20foto%2017.jpg anna%20foto%2018.jpg anna%20foto%2019.jpg

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto