White chiude in netta crescita di buyers e visitatori

Con 300 espositori, 6.892 buyers e 10.802 visitatori su tre giorni di manifestazione, White si conferma la prima fiera italiana dedicata al pret-à-porter femminile. Il confronto con la scorsa edizione vede una crescita di oltre il 10% dei buyers (6.150 nel settembre 2008) e visitatori (9.892 sett. 2008).Il successo nasce da una visione chiara delle

allestimento%20white%20design%5B2%5D.JPG

Con 300 espositori, 6.892 buyers e 10.802 visitatori su tre giorni di manifestazione, White si conferma la prima fiera italiana dedicata al pret-à-porter femminile. Il confronto con la scorsa edizione vede una crescita di oltre il 10% dei buyers (6.150 nel settembre 2008) e visitatori (9.892 sett. 2008).

Il successo nasce da una visione chiara delle necessità della formula White: ricreare l'emozione della moda all'interno di un contesto fieristico; ricerca di collezioni che ottimizzino il valore aggiunto per il cliente, in un mix equilibrato di tutte le variabili: contenuto creativo, freschezza di immagine, coerenza del prezzo, minori vincoli commerciali; capacità, attraverso la formula del ‘salone nel salone', di segmentazione delle proposte in un'ottica di sinergia e non di omologazione.
 
I dati di business emergenti da White testimoniano non una riduzione degli acquisti, ma uno spostamento del momento e una mutazione della modalità di acquisto da parte dei compratori. In particolare, i buyer sono diventati più attenti alla ricerca, alle nuove proposte, alla flessibilità delle aziende.
 
Vince quindi la capacità di White di costruire un salone che vede un'offerta equilibrata, che passa da aziende medio-piccole, a progetti di nicchia, a realtà più grandi, tutte accomunate da pochi tratti distintivi: ricerca, emozione, qualità, attenzione al business. 

Central%202%5B4%5D.JPG Magna%20Pars%202%5B2%5D.JPG

"Se la moda non rimane emozione, non funziona – sostiene Massimiliano Bizzi, ideatore di White – White è il frutto di una ricerca costante, con l'obiettivo di riportare l'emozione e la passione nella moda". Nascono da questo sogno alcuni progetti speciali di White come Il Giardino delle Meraviglie, Basement, White Club, White Design, Inside White, artpoint,  a dimostrazione dell'attitudine verso l'innovazione di White.
 
Positivo il dato relativo all'Italia: il retail italiano si conferma il più reattivo, aperto alle novità, segnando una crescita di affluenza del 10%.
E' un segnale che dimostra la forza del mercato italiano, in particolare la ricchezza del suo tessuto commerciale.  Combinato con il grande successo che le aziende italiane, per la maggior parte di dimensione medio-piccola, hanno ottenuto a White, il dato sul retail restituisce una fotografia del mercato italiano positiva, dinamica, solida.