Steve%20McQueen%202.jpg

Dopo il suo debutto in scena al polso di Steve McQueen nel film Le 24 ore di Le Mans, il TAG Heuer Monaco, l'icona quadrata che ha catturato lo spirito di un'era e che ha cambiato per sempre l'immagine dell'orologeria sportiva di prestigio continua a dettare tendenza e rimane all'avanguardia all'alba del suo quarantesimo compleanno.

Lanciato simultaneamente sul mercato a Ginevra e New York il 3 marzo del 1969, il Monaco ha sorpreso il mondo dell'orologeria come una tempesta. Il look dichiaratamente provocatorio di quest'orologio, con la sua lancetta cronografica rosso fuoco, il quadrante blu metallico sormontato dallo spesso vetro plexi e la sua grande cassa quadrata, rappresentano una rottura totale nei confronti dei codici tradizionali dell'estetica del design dell'orologeria.

Ugualmente radicale è stata la tecnologia richiesta per garantire al cronografo una perfetta resistenza all'acqua – una prima mondiale per un orologio a cassa quadrata. Ma quello che batteva dentro di lui era ancora più rivoluzionario: il famoso Chronomatic "Calibre 11", il primo movimento cronografico meccanico a carica automatica dotato di microrotore, talmente preciso da poter sfidare gli standard richiesti agli odierni strumenti di cronometraggio professionali.

Monaco_chr_44_black.jpg Monaco_chr_44_blue.jpg

Per il film Le 24 ore di Le Mans, la fonte d'ispirazione di Steve McQueen fu l'amico pilota Jo Siffert, la leggenda svizzera delle corse automobilistiche che nel 1969 diventò il primo pilota di tutti i tempi ad essere sponsorizzato da un marchio di orologi: Heuer.

Il TAG Heuer Monaco era appena stato presentato ed impressionò talmente Steve McQueen che egli insistette per poterlo indossare durante le riprese del film. Il Monaco divenne l'orologio preferito nel mondo delle corse e nel mondo della moda – un'altra première mondiale. La sua geometria unica e senza compromessi diede il via ad un trend verso gli orologi di forma. Riconoscibile all'istante, spesso copiato, mai eguagliato, il ‘McQueen Monaco' è uno dei pezzi più costosi e ricercati nel mercato internazionale del vintage.

Riproposto nel 1998 in un'esclusiva edizione limitata di 5.000 unità al mondo, fu completamente ridisegnato nel 2003 e dotato a scelta del classico cinturino in pelle o coccodrillo o di un bracciale a sette file di maglie quadrate in acciaio alternato lucido e satinato che rievocano l'audace estetica della cassa. Il Monaco si rinnova con disarmante semplicità rimanendo fedele a se stesso e diventando in brevissimo tempo un oggetto del desiderio tra i puristi delle corse e i collezionisti, ma sorprese soprattutto l'industria dell'orologeria diventando la rivelazione fashion dell'anno, adorato dalla haute-couture e dalle star di Hollywood. La reinterpretazione che seguì fu ancor più rivoluzionaria.

Star del Salone Mondiale dell'Orologeria di Basilea 2003, il TAG Heuer Monaco Sixty-Nine Concept Watch fu presentato come il primo orologio svizzero da polso con un movimento meccanico combinato con un cronografo preciso al millesimo di secondo. Il primo orologio reversibile meccanico-digitale di TAG Heuer è un orologio audace che porta con sé tradizione e innovazione come non si era mai visto prima. Da una parte l'aspetto iconico e senza compromessi dell'orologio preferito da Steve McQueen; dall'altra l'aspetto distintivo e high-tech del Microtimer, il primo prestigioso cronografo da polso svizzero preciso al millesimo di secondo.

Presentato durante il Salone Mondiale dell'Orologeria di Basilea 2004, il Monaco V4 Concept Watch rappresenta una stupefacente innovazione tecnologica. Nel suo cuore batte un movimento meccanico integrato estremamente avanzato, racchiuso in un'evoluzione high-design della classica cassa quadrata del Monaco. Il nome V4 deriva dai quattro cilindri, montati a forma di V, come i cilindri nel motore di una vettura da corsa. Il nome è indubbiamente un tributo a ciò che ha ispirato il movimento: la vera musa, come per il Monaco originale, è il mondo dei motori, e delle vetture da corsa…

Nuova aggiunta alla serie dei must-have, con una cassa da 37 mm in acciaio satinato, movimento TAG Heuer Grande Data, due diversi quadranti in nero e blu o in argento, con un piccolo contatore dei secondi a ore sei. Perfettamente disegnato e costruito, con il suo elegante cinturino in alligatore e le linee pulite ispirate al Monaco V4, quest'orologio è decisamente moderno. Presenta tutte le caratteristiche del Monaco, ma addolcite dalla classe della pelle bianca, oppure dal pitone marrone o nero. La cassa è decorata da 26 diamanti per sottolineare gli angoli precisi della lunetta, il quadrante è abbellito da altri 13 diamanti. Con tutta l'energia dell'originale, ma con squisite armonie nei materiali, aumenta ancor di più il suo appeal emotivo per il pubblico femminile.

Per celebrare il quarantesimo anniversario del Monaco, TAG Heuer è lieta di presentare una nuova collezione di cronografi classici dotati del ‘Calibre 12', un movimento meccanico a carica automatica TAG Heuer. Ispirati direttamente al design originale, questi cronografi sono dotati, per la prima volta, di un vetro zaffiro ed di un fondello a vista che lascia intravedere il battere del ‘Calibre 12'Le caratteristiche distintive includono un cinturino in alligatore blu ed un quadrante blu e contatori stonati con sfere dei secondi cronografi e dei piccoli contatori di colore rosso.

1969-2009: per celebrare questo storico anniversario, TAG Heuer è orgogliosa di riproporre l'orologio icona del 1969 in serie estremamente limitata di 1.000 unità al mondo con un fondello esclusivo firmato da Jack Heuer ed inciso in onore del mitico ambasciatore TAG Heuer Steve McQueen. Dotato del movimento Calibre 11, questa riedizione limitata e numerata è contraddistinta dal posizionamento a ore 9 della corona di carica, esattamente come nel Monaco McQueen del 1969.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto