Blogosfere Style & Fashion ha partecipato al press day di presentazione della collezione autunno – inverno 2009/2010 di Massimo Crivelli, la collezione si ispira all'aerodinamica e riafferma il connubio tra influenze artistiche e un ideale estetico che si richiama al design industriale d'avanguardia.

Le suggestioni del movimento futurista e la ricerca sperimentale di forme ed espressioni stilistiche evocano un concetto vivo e dinamico del corpo femminile, tra metafisica e tecnica ingegneristica tra libertà di segni ed emozioni dell'inconscio. 

press%20day%2002%20aprile%202009_001%20121.jpg

L'idea del movimento, si traduce in linee curve e sinuose che si ispirano alle leggi dell'aerodinamica. Nella voluta contrapposizione tra diversi volumi che si incontra e si fonde con il taglio deciso delle geometrie. I capi, sofisticati, puri, rigorosi riproducono sensazioni legate alla dimensione onirica del volo umano. Giacche, minicoats e abiti costruiti a volute concentriche come le turbine di un jet. Pantaloni stretti che si aprono con fondi enormi, solcati da nervature irregolari.

Camicie, polo e miniabiti fatti di tagli e intarsi che ricordano loghi e colori di fantasiose linee aeree. Grande importanza hanno i pantaloni e le gonne, spesso lunghe, con forme ricercate e sempre ricche di dettagli. Agli abiti da gran sera, rigide sculture aerodinamiche, si accostano pepli morbidi, di georgette plissettata o chemisier dalle forme sinuose chiusi da maxicolli a contrasto e lunghe maniche. 

press%20day%2002%20aprile%202009_001%20119.jpg press%20day%2002%20aprile%202009_001%20120.jpg press%20day%2002%20aprile%202009_001%20123.jpg

Massimo Crivelli in definitiva presenta una collezione di forte impatto materico. Predomina la proposta di materiali tecnici, dalle fibre metalliche al poliuretano, accostati e abbinati a morbidi jersey di lana lavorati a intarsio e alla preziosa maglia di cachemire. Velluto, e organza per le camicie ma anche per gli abiti cocktail. Nella stampa serica si rievocano nettamente le composizioni plastiche dell'avanguardia futurista.

L'aspetto "invernale" degli jacquard è amplificato dall'uso di neoprene e vernici viniliche. Ciniglia stretch, e tricot danno ai capi un'immagine calda e avvolgente e garantiscono una perfetta vestibilità. Gli abiti da sera in satin sono fluidi e luminosi talvolta con applicazioni di organza ton sur ton che si confondono in un gioco di chiaroscuri e di tridimensionalità. I diversi materiali si fondono e si arricchiscono con lavorazioni esclusive rigorosamente eseguite a mano.

Il nero fa da sfondo a una combinazione di colori, spesso mixati tra loro, che va dal senape al rosso carminio, dall'grigio piombo all'azzurro acciaio. I brillanti riflessi del metallo caratterizzano sia il giorno che la sera dove prevalgono il malva, l'argento e il lavanda fluo. 

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto