Lancel nasce a Parigi nel 1876 nei giorni spensierati per i Parigini che si affollano nei teatri, al Moulin Rouge, nei nuovi grandi magazzini e nei viali alberati della città. Parigi vive un momento all'insegna del piacere e della "leggerezza . E' proprio durante i primi anni della Belle Époque che Alphonse e Angèle Lancel aprono una piccola fabbrica di pipe al 20 di Passage des Petites Écuries.  

Dopo essersi specializzato in articoli per fumatori, il marchio Lancel rivolge la sua attenzione agli accessori femminili e agli oggetti decorativi e siamo nel 1926. Queste nuove creazioni includono le prima borse, fatte di pelle di tapiro, pelle di foca e camoscio. In un momento in cui le maison di moda non vedono ancora al di là dei semplici vestiti, Lancel sta già immaginando gli accessori che trasformeranno la moda. 

Lancel incarna il ritrovato gusto dei Parigini per lo shopping con circa una dozzina di negozi ora aperti nella capitale e in altre città francesi. Gli anni tra le due guerre sono un periodo di innovazione per il marchio che si espande anche agli accessori per la tavola, agli articoli da viaggio e a un gran numero di regali originali.

vans%20e%20lanvin_001%20052.jpg vans%20e%20lanvin_001%20051.jpg vans%20e%20lanvin_001%20050.jpg vans%20e%20lanvin_001%20048.jpg vans%20e%20lanvin_001%20047.jpg

Le signore Parigine adottano l'ingegnosa borsa "ombrello", si stupiscono di fronte all'accendino automatico che "lascia guanti e mani puliti" e si innamorano delle deliziose borsette da sera, i cui risvolti nascondono uno specchietto, borsellini e sofosticati portacipria.

Automobili, treni e transatlantici aumentano i viaggi: Lancel arriva in soccorso con il suo baule "Aviona". Questo è l'anno in cui Lancel si trasferisce a Place de l'Opéra, nel cuore di Parigi. Questa nuova location diventerà un negozio monomarca per il marchio che così bene seppe esprimere lo chic parigino. Lancel si rivolge alla donna moderna, emancipata, elegante. Mistinguett, Josephine Baker e Edith Piaf ne sono delle clienti affezionate. Ed è così che Lancel conferma la sua reputazione di marchio veramente moderno.

Negli anni ‘70, il marchio si apre ai mercati internazionali. In Francia la casa madre si stabilisce in una delle vie più belle del mondo, gli Champs-Elysées. Si concentra sulla pelletteria e nel 1984 nasce la borsa secchiello. Ingegnosa e originale, è ispirata dai secchi che i primi vigili del fuoco erano soliti trasportare. Più di tre milioni di esemplari sono venduti. In tutto il mondo è riconosciuta come il simbolo dell'eleganza e della creatività parigina. Ed è anche la borsa emblematica di Lancel. 

Oggi Lancel continua a celebrare lo stesso spirito spensierato, la stessa légèreté francese, fatta di pura eleganza con un accenno alla frivolezza. Lancel afferma orgogliosamente la sua storia con due nuove creazioni che combinano uno stile moderno con l'artigianalità autentica. Attraverso i due "volti" del marchio, Laure Manaudou e Alice Taglioni, Lancel rende omaggio alle donne reinterpretando con "leggerezza" i suoi classici. Ogni creazione Lancel racconta la storia dell'ispirazione che le ha dato vita: Parigi, la moda e la gioia di vivere.

Qui le imagini della collezione Lancel spring – summer 2009!

DE_A02957-G9%2BA030191-77.jpg DE_A02957-G9.jpg ELS_A03010-68.jpg ESP_A2044-77.jpg ESP_A03035-H4.jpg ESS_A03103_1.jpg ESS_A03103_3.jpg FR_A02644-G7.jpg FR_A03047-05.jpg FF_A03102-14.jpg FF_A03102-90.jpg GOUS_A03049.jpg MM_A03004-90.jpg MM_A03004-D2.jpg PO_A03064-B8.jpg PF_A02174-31.jpg PF_A02597-D2.jpg VI_A03123-90.jpg VI_A03123-D2.jpg

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Attualità Leggi tutto