L'origine della festa di Halloween e il suo significato

La festa di Halloween è arrivata in Italia da pochissimi anni, ma è una ricorrenza molto antica. Eccone la storia e il suo significato.



La Festa di Halloween deriva dalla cultura celtica e cade il 31 ottobre, perché un tempo questa data segnava la fine del lavoro dei campi e della stagione calda. Possiamo paragonarlo al nostro ultimo dell’anno, perché il primo di novembre si festeggiava in assoluto l’evento più importante, la giornata dedicata alla divinità Samhain, eletto il Signore della Morte e il Principe delle Tenebre.

Samhain, secondo la leggenda, chiamava tutti gli spiriti dei morti a sé e i Celti la notte del 31 ottobre si riunivano nei boschi per la cerimonia dell'accensione del Fuoco Sacro. Non è tutto, perché le celebrazioni proseguivano per altri tre giorni, durante cui si dovevano mascherare con le pelli degli animali, la cui funzione era spaventare gli spiriti. Ovviamente, ogni Paese ha una tradizione leggermente diversa.

Questa festa è arrivata nel Sud dell’Europa grazie alle conquiste cristiane ed è andata ad affiancarsi a delle tradizioni già presenti, come il giorno dei Morti e il giorno dei Santi. Considerate che in inglese, ognissanti si dice All Hallows' Day, mentre il 31 ottobre All Hallows' Eve. Il fondersi delle parole ha creato il termine Halloween.

Negli Usa, il Paese in cui si celebra maggiormente la notte delle streghe, però, non c’è alcuna valenza religiosa. È una sorta di carnevale dell’orrore. Deriva però dai celti il tradizionale “Dolcetto o Scherzetto?”, perché proprio questo popolo era solito lasciare fuori dalla porta del cibo per conquistare gli spiriti della notte.

Foto | Pinterest
Via | Benmelech; Libero

  • shares
  • Mail