L’ABC per le acconciature vintage

acconciatura vintage facileIl vintage imperversa, tra le pagine dei settimanali, nelle occasioni mondane, fra i capi d’abbigliamento e sulle chiome. È diventato un vero e proprio cult, per questo poco tempo fa ho comprato un giacchino sullo stile in uno di quei negozietti nascosti e carissimi di cui si viene a conoscenza solo grazie a una soffiata. Il prossimo weekend ho promesso di portarci la mia amica a condizione che durante il tragitto rimanga bendata, come fa mio padre quando porta un amico a raccogliere funghi in un bosco sconosciuto ai cercatori della domenica.

Il vintage si nota e, soprattutto quello originale, nasconde vanitosamente in sé il fascino dell’esclusiva. Si tratta di un vezzo molto femminile che la maggior parte degli uomini non coglie. Quando ha visto il “nuovo”acquisto, il mio ragazzo ha fatto una faccia malinconica e ha detto: “carino, mia nonna è stata seppellita con un giacchino uguale”. Ho sperato per due buone ragioni che fosse “quasi uguale”.

Il vintage può essere mischiato, con gusto e tecnica, alla moda corrente ma bisogna saperlo abbinare, magari richiamando lo stile con un dettaglio. Per esempio l’acconciatura, preziosa come quella delle dive di allora .


acconciatura vintage facile fai da te

Facile a dirsi, molto meno a farsi. Il “vintage hair do” è una pratica da certosini: le onde, gli chignon, i boccoli granitici, il cotonato, sono effetti difficilissimi da realizzare col fai da te. Proviamoci insieme partendo con un’acconciatura base: qui troviamo gli steps progressivi per pettinarsi come Ava Gardner quando andava di fretta. È necessario munirsi di quattro mollette al massimo, un ettolitro di lacca cementizia e il gran finale d’obbligo: una gardenia, una dalia, un’orchidea - un fiore finto a piacere insomma - a condizione che faccia provincia. Su questo sito se ne possono acquistare di bellissimi. Ignorate il vostro uomo se vi dice che un elicottero a forma di ape vi ha scambiato per l’eliporto.

  • shares
  • Mail