Gaydar, riconoscersi a pelle

Un celebre spot, se non sbaglio, ha come claim “riconoscersi a pelle”. Sembra che gli omosessuali ci riescano, naturalmente. Di questa dote, nota ai più come gaydar (ovvero gay+radar), un giornalista del New York Magazine ha deciso di farne persino un pezzo. Secondo quanto “scoperto” da David France, gli omosessuali avrebbero la rosa dei capelli

di

Un celebre spot, se non sbaglio, ha come claim “riconoscersi a pelle”. Sembra che gli omosessuali ci riescano, naturalmente. Di questa dote, nota ai più come gaydar (ovvero gay+radar), un giornalista del New York Magazine ha deciso di farne persino un pezzo.

Secondo quanto “scoperto” da David France, gli omosessuali avrebbero la rosa dei capelli in senso antiorario.

Capelli a parte, per riconoscere un gay è importante studiare l’anatomia delle mani. Sempre secondo questo importantissima ricerca gay e donne eterosessuali avrebbero più linee nelle impronte digitali del pollice e del miglio sinistro. Sembrerebbe, poi, che gay e lesbiche sarebbero più propensi ad essere mancini.

Giusto per non cadere nella banalità, per capire l’attitudine degli omosessuali a riconoscere i propri simili ad un gruppo di fortunati sono state fatte ascoltare diverse voci registrare. Ebbene, il 75% di loro ha capito l’orientamento sessuale delle persone in differita.

Via |frizzifrizzi.it