Angura Japanese Avant-garde

Angura è l’abbreviazione Giapponese della parola Underground. Movimento degli anni 60/70 collegato ad una serie di piccole compagnie teatrali che facevano riferimento al quartiere di Shinjuku, altre come Jokyogekijo avevano sede in una tenda all’interno di un tempio Shintoista, o la famosa compagnia Tenjosajiki che aveva il suo quartier generale in un teatro a shibuya.


Angura è l’abbreviazione Giapponese della parola Underground. Movimento degli anni 60/70 collegato ad una serie di piccole compagnie teatrali che facevano riferimento al quartiere di Shinjuku, altre come Jokyogekijo avevano sede in una tenda all’interno di un tempio Shintoista, o la famosa compagnia Tenjosajiki che aveva il suo quartier generale in un teatro a shibuya. Questo nuovo soggetto si pone fin dalle sue origini in rottura con il teatro occidentale, europeo e americano e tenta di creare un nuovo teatro Giapponese nella tradizione delle avanguardie. Quello degli anni sessanta è un periodo di forti tensioni sociali in Giappone, lo scontro politico è acceso tra il movimento studentesco d’ispirazione marxista zengakuren e le forze conservatrici al potere. All’interno delle compagnie di teatro, che si autogovernano come dei collettivi, sono presenti anche artisti che si occupano delle scenografie e delle locandine che pubblicizzano gli happening. Nasce uno stile tipografico indistinguibile, gli artisti più rappresentativi sono: Tadanori Yokoo, Kouga Hirano, Kiyoshi Awazu, Akira Uno, Katsuyuki Shinohara. La mancanza di soldi fa si che alla stampa offset gli artisti di Angura preferiscano tecniche artigianali come la serigrafia dando alle opere un’accento cromatico pop. E’ interessante vedere come dal teatro scaturisca un movimento di arti applicate con una così marcata identità visiva. Vi presento un sito Giapponese che in modo filologico riporta tutte le locandine delle più significative compagnie teatrali del movimento Angura. Il sito è tutto in Giapponese qualche suggerimento per la navigazione: a sinistra in alto sotto la parola INDEX cliccare sul primo ideogramma partendo dall’alto, apparirà una lista di sei parole, rispettivamente: Tenjosajiki, Jiyuugekijo, Kurotento, Wasedagekijo, Jokyogekijo, Dairakudakan. Sono i nomi delle compagnie, cliccando su ciascuna vi appariranno le photo gallery dei manifesti. Per chi volesse saperne di più “Angura: Posters of the japanese avant-garde“.

I Video di Pinkblog

Eni: Palazzo Mattei si colora di arancione contro la violenza sulle donne