Da Twitter ai messaggi incisi su legno

Kudzai Dyirakumunda, designer inglese, incide su blocchi di legno gli avvenimenti più importanti passati su Twitter, a partire dai riot londinesi


La comunicazione è sempre più sotto gli occhi di tutti, e in forme sempre nuove e sfuggevoli, come ad esempio quella veicolata dai social network. Twitter è uno dei maggiori media, che con il suo sistema essenziale e immediato si è reso protagonista di tanti eventi. Kudzai Dyirakumunda è un designer inglese che ha pensato di concretizzare alcune delle informazioni passate via etere in messaggi incisi su legno.

Ricordate i riot londinesi che scoppiarono lo scorso anno? La città era piena di persone riversate per le strade, morti e feriti non mancarono, e ovviamente la notizia per più e più giorni fece il giro del mondo su tutti i media. Twitter fu uno tra i principali mezzi d’informazione perché fu al servizio dei veri protagonisti che vissero quei giorni caldi. Fu in questa occasione che a Kudzai Dyirakumunda sorse in mente l’idea di lasciare un segno tangibile degli eventi.


I messaggi di Twitter incisi su blocchi di legno

Il mio progetto visualizza i disordini di Londra partendo da storie e commenti di Twitter. Il vantaggio di Twitter è che il contenuto riflette l’opinione della gente, anziché il punto di vista delle principali agenzie di stampa. Le storie sono incise al laser su blocchi di legno per rendere l’informazione più permanente rispetto a Twitter.

A un anno dall’evento ispiratore i blocchi di legno incisi sono diventati degli oggetti di design da collezionare ed esporre come pezzi di storia fatta da chi l’ha vissuta. Se l’idea si continuerà a diffondere, ognuno di noi potrebbe avere un pezzo di avvenimento da collezionare, con incise frasi spontanee non mediate da scelte o censure, ma solide come il legno.

I messaggi di Twitter incisi su blocchi di legno
I messaggi di Twitter incisi su blocchi di legno
I messaggi di Twitter incisi su blocchi di legno
I messaggi di Twitter incisi su blocchi di legno

I Video di Pinkblog